venerdì, ottobre 17, 2014

Creiamo una moneta-convenzione

Vorrei porre alla vostra attenzione.. mamma mia sembra una lettera burocratica..:-) rewind.. studiatevi come l'isola di Guersney è riuscita nel 1920 a risollevare l'economia, e noi continuiamo ad aver paura dell'Euro e della Bce o della Federal Reserve. La moneta non ha valore intrinseco, è solo una convenzione tra un gruppo chiamato Popolazione Sovrana.!


(tratto da wikipedia): Guernsey è un'isola del Canale della Manica, situata davanti al golfo di Saint-Malo (costa della Francia). È di fatto il capoluogo delle isole del Canale... Il PIL delle isole ammonta a 1,5 miliardi di sterline, la spesa pubblica nel 2005 era di circa 300 milioni di sterline. Il 32% degli occupati lavora nel settore bancario,.. (guarda te). Il sistema fiscale italiano, col Decreto Ministeriale 04/05/1999, ha inserito il Guernsey tra gli Stati o Territori aventi un regime fiscale privilegiato, cosiddetta "Black List" o "lista nera", ponendo quindi limitazioni fiscali ai rapporti economico commerciali che si intrattengono tra le aziende italiane ed i soggetti ubicati in tale territorio. (paura di non controllare con il denaro gli Italiani).
e qui il passaggio epocale.. Nel 1822, finite le guerre napoleoniche, di fronte alla necessità di ricostruire le infrastrutture del paese e rilanciare l'economia, il governatore delle isole decise di finanziare la spesa pubblica emettendo moneta, usata direttamente dallo Stato. Per garantire condizioni non inflazionistiche il governatore decretò che in caso di necessità si sarebbe ridotta la moneta in circolazione o si sarebbe provveduto a imporre tasse. Questo esperimento in cui l'emissione della moneta era legata al PIL dell'isola, dimostrò che questo tipo di emissione non generava debito e neanche inflazione. L'esperimento monetario è durato dal 1822 fino al 1836.
(tratto da http://www.signoraggio.com/signoraggio_ilpontediguernsey.html) Nel 1816 i suoi frangiflutti si stavano sbriciolando, le sue strade erano piene di fango e larghe solo un metro e mezzo. Il debito di Guernsey era di 19.000 sterline, le entrate annuali erano di 3.000 sterline delle quali 2.400 dovevano essere utilizzate per pagare gli interessi sul proprio debito. Non bisogna sorprendersi se la gente lasciava l'isola e l'occupazione era scarsa. Poi il governo creò e diede in prestito nuove banconote di stato esenti da interesse, per un valore di 6.000 sterline. All'incirca 4.000 sterline furono utilizzate per iniziare le riparazioni dei frangiflutti. Nel 1820, furono emesse altre 4.500 sterline, di nuovo esenti da interesse. Nel 1821, altre 10.000; 1824, 5.000; 1826, 20.000. Entro il 1837, 50.000 sterline erano state emesse senza interessi per il loro utilizzo primario in progetti come frangiflutti, strade, il mercato, chiese e college. La spiegazione keynesiana è che i prezzi sono rimasti stabili perché il denaro è stato utilizzato per produrre più beni, aumentando l'offerta insieme alla domanda.
Quindi invece di prendere a prestito il denaro dalle banche che esse creano dal nulla, lasciando il governo pesantemente in debito, questa volta il governo dovrebbe provare a creare il denaro da solo, esente da debiti e da interessi.
Il governo sono dei nostri "impiegati" se lavorano male li licenziamo.. siamo noi il Popolo Sovrano, ecco perché dal malcontento economico nascono tante monete.. ecco perche il mondo è pronto per il Bitcoin.
Alessandro Valerio
dublo
Posta un commento